Premier: vola Cissé, male il City. I top e i flop della 23esima

TOP
Scholes: ai Red Devils mancano Nani e Rooney. Eppure riescono a vincere contro lo Stoke City, e portare a casa tre punti d’oro che e agganciare i rivali del City in vetta alla classifica. Protagonista il redivivo Paul Scholes: quando qualche settimana fa fu annunciato il suo ritorno al calcio giocato, qualcuno sorrise, qualcun altro alzo un sopracciglio. Sarà ancora in grado Scholes di dare tanto a questa squadra? Lui ha risposto a tutti con prestazioni sempre maiuscole, riprendendosi le chiavi del centrocampo. Riuscirà a garantire ancora a lungo partite così? Chi lo sa, al momento non sembra però sentire troppo il peso degli anni. Il ginger Lord è simbolo di un Manchester operaio, martedì vincente grazie a due rigori, tanto possesso palla e una partita vinta, in sostanza, a centrocampo.
Bale: una doppietta contro il Wigan che fa volare il suo Tottenham. Gli Spurs vincono facile in casa, rafforzando così il loro terzo posto e allungando sul Chelsea (che ora dista 7 punti). Il gallese si conferma ancora una volta protagonista, mettendo a segno l’ottava e la nona rete di quest’anno in Premier (è il cannoniere della squadra insieme ad Adebayor). Le sue prestazioni, insieme al prezzo del suo cartellino, crescono di partita in partita. Da poco ha anche una clausola rescissoria da capogiro: 150 milioni di sterline (180 milioni di euro). Quest’estate aspettatevi follie da tutta Europa per il suo cartellino.
Cissé: Poco meno di due ore prima dell’inizio del match contro l’Aston Villa è arrivato ai dirigenti del QPR l’ok dalla federazione per poter schierare il francese. A lui sono bastati invece solo 12 minuti per poter liberare il suo ruggito e il suo immancabile salto mortale con cui festeggia ogni gol. Cissé, non nuovo ai gol agli esordi (sempre in rete nelle prime partite con Liverpool, Sunderland, Lazio e ora QPR) esalta i suoi nel primo tempo, che riescono addirittura a portarsi poco dopo sul 2-0. I Villans però nel secondo tempo fanno un’altra partita, e riescono a pareggiare. Peccato per i londinesi, che buttano via così due punti utilissimi in chiave salvezza, ma possono stare sicuri che, se Cissé dovesse confermare le buone cose fatte vedere ieri (e con lui anche Taiwo, protagonista sul secondo gol), la salvezza non dovrebbe essere così dura.
 
FLOP
Mancini: impallato e prevedibile, il suo City perde in casa dell’Everton, facendosi così recuperare dallo United. I citizens avvertono le assenze Balotelli (squalificato) e sopratutto di Yaya Touré (impegnato in Coppa Africa) e si lasciano così bloccare dai toffees. La squadra appare povera di idee, specialmente in mezzo al campo, e si affida più a tentativi disperati dei singoli che ad iniziative collettive. E dopo un primo tempo così-così, nel secondo tempo capitolano, grazie al gol di Gibson (guarda caso proprio un ex-United…).
Van Persie: Mettiamo lui, anche se dovremmo mettere tutta l’Arsenal. L’olandese ha la sfortuna di non riuscire a trovare il gol e di colpire ben due pali nello 0-0 di ieri sera contro il Bolton. I gunners appaiono un po’ imbambolati, seppur ieri sera abbiano fatto un ottimo gioco contro i trotters, senza però trovare il gol. Alla squadra serve una scossa: nel 2012 non ha ancora vinto, facendo solo ieri il primo misero punticino in classifica in questo nuovo anno. Si pensava che la bella vittoria in FA Cup (3-2 all’Aston Villa) dicesse di un cambio d’aria. Ma ieri non è proprio sembrato così. E il ritorno di Henry non sta confermando le aspettative.
Villas Boas: Non mi ha mai convinto. Quest’anno il Chelsea fatica a trovare personalità, e anche l’1-1 di martedì sera sul campo dello Swansea è segno di una squadra poco concreta. Nel primo tempo hanno lasciato giocare troppo i gallesi, che sono riusciti a trovare anche la via del gol con l’ex Sinclair. Nella ripresa i blues hanno provato a riprendersi, trovando però il pari solo all’ultima azione, con un gol di Bosingwa al . E’ 1-1, e la partita finisce, con due punti buttati via: non per il Chelsea, ma per lo Swansea.
Annunci

Un pensiero su “Premier: vola Cissé, male il City. I top e i flop della 23esima

  1. nicodeca

    Non puoi parlare della premier senza parlare di Alex Oxlade-Chamberlain. Attaccante classe 93 dell’arsenal. Ha debuttato ad agosto, a settembre in champions e ha subito segnato. ieri ha fatto la prima doppietta in premier. veloce, potente e tanta qualità’. più forte e più promettente del balotelli di tre anni fa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...