A Liverpool si protesta: quanto costa il calcio in Inghilterra?

Schermata 2016-02-07 alle 13.26.22

È tema delicato il caro biglietti sui campi inglesi. L’episodio più emblematico è quello che stanno vivendo i tifosi del Liverpool, esternato ieri nel corso della gara col Sunderland: al minuto 77 tanti supporters (si stima 10mila) hanno abbandonato il proprio settore per incamminarsi verso le uscite. Il motivo, la crescita dei prezzi per assistere a una partita dei Reds: dal prossimo anno si spenderanno più di 100 euro per sedersi ad Anfield Road, mentre un abbonamento costerà tra i 908 e 1029 euro. Un’esagerazione per chiunque, culmine di una salita imperterrita che continua in tanti altri club britannici. Il minuto 77 non è stata una scelta casuale per la tifoseria scousers: è un richiamo all’anno della prima Coppa Campioni alzata al cielo dalla squadra di Paisley, ma è anche un riferimento ad un calcio che, purtroppo, non esiste più, quando andare a vedere i Reds era una passione per tutte le tasche.

Continua a leggere “A Liverpool si protesta: quanto costa il calcio in Inghilterra?”

Quel lungo applauso di Anfield Road all’ex toffees

È da poco iniziato il secondo tempo. Il copione sembra lo stesso dei 45 minuti appena trascorsi: il Liverpool continua a fare la partita, impallinando un Arsenal che pare reggere solo grazie ai numeri del suo giovane portiere polacco Szczesny. Un rigore sbagliato, due pali e altre numerose occasioni: ma il risultato non sembra volersi scostare da quel 1-1 che la zuccata di Van Persie ha suggellato, replicando all’autogol di Koscielny. I Gunners sembrano assenti, soprattutto a centrocampo: su tutti, è Mikel Arteta a non trovare il suo spazio, ingabbiato dal pressing della squadra di casa. Per lui questa era una partita speciale: tornava finalmente a Liverpool, Continua a leggere “Quel lungo applauso di Anfield Road all’ex toffees”

Ricordi – Quando Taibi fece “impazzire” Ferguson e Manchester

L’inizio è stato disastroso. Poi De Gea è riuscito nelle ultime partite a riscattare le difficoltà dei primi mesi, e si sta cercando di consacrarsi numero uno del Manchester, posto in passato occupato anche da portieri non propriamente fenomenali. «Mi rivedo un po’ in lui». Uno di questi è tornato a farsi sentire proprio qualche giorno fa, tre anni dopo aver appeso scarpini e guanti al chiodo. Piacenza, Milan, Atalanta, Reggina… sicuramente in tanti ricorderemo i numeri di Massimo Taibi, che oggi compie 42 anni, con queste squadre. Ma in pochi ricorderanno della sua sfortunata avventura al Manchester United. Continua a leggere “Ricordi – Quando Taibi fece “impazzire” Ferguson e Manchester”