Falliti sì, ma non umiliati. E così i Rangers rimandano la festa del Celtic

Non succedeva dal 1967. Era da quell’anno che il Celtic non vinceva il titolo scozzese con un trionfo in casa dei rivali dei Rangers. Una stagione che fu tanto gloriosa per i biancoverdi quando amara per i Gers: i primi infatti non s’accontentarono del campionato, ma vinsero anche Coppa dei Campioni e Coppa di Lega, diventando la prima squadra in Europa a realizzare un treble, otriplete. I secondi invece, arrivarono in finale di Coppa delle Coppe, ma persero contro il Bayern Monaco, trovandosi con un pugno di mosche in mano a veder festeggiare i rivali cittadini sul tetto d’Europa. Ieri poteva ripetersi una partita simile, e simili potevano essere persino gli umori: il Celtic andava a Ibrox, a giocarsi il campionato. Una vittoria voleva dire laurearsi campione con 7 giornate d’anticipo, e voleva dire soprattutto schiaffeggiare i Rangers a casa loro, nel momento più difficile della loro storia: come già raccontavamo qualche tempo fa, i Teddy Bears sono infatti in amministrazione controllata e sull’orlo del fallimento. Forse poteva essere uno degli ultimi derby. Ma la storia non si è ripetuta, e la squadra di casa ha detto di no: falliti sì, ma non umiliati. E così hanno vinto: 3-2. Continua a leggere “Falliti sì, ma non umiliati. E così i Rangers rimandano la festa del Celtic”

Annunci