Se non avesse Hodgson, l’Inghilterra sarebbe più prevedibile dell’Italia

Il cammino dell’Italia agli Europei metterà sulla strada degli uomini di Prandelli la Nazionale inglese, vincitrice del girone D. Ad essere un po’ critici, ma neanche troppo, la sfida di domenica sera si preannuncia interessante, mettendo di fronte due squadre non di certo in piena salute. Del gioco tutt’altro che spumeggiante degli Azzurri si parla all’infinito sui nostri giornali, mentre la vittoria di ieri sera dei Three Lions contro l’Ucraina è giunta dopo una partita combattuta, emblema di una squadra infiacchita dalle tante assenze e priva di un vero leader di gioco (un’impressione che, peraltro, era stata offerta anche dal noioso pareggio contro la Francia e dalla vittoria contro la Svezia). Insomma, l’Inghilterra non macina un grande gioco, eppure riesce a vincere, e in questo merita una nota di lode il tecnico Roy Hodgson, un allenatore arrivato poco più di un mese fa tra le perplessità di tanti (ammetto anche mie), ma che in silenzio è stato capace di far ragionare la squadra. Continua a leggere “Se non avesse Hodgson, l’Inghilterra sarebbe più prevedibile dell’Italia”

Più umani di una sconfitta, più eroici di una vittoria: i rigori dei cugini Gerrard

«Mi spiace tanto, Anthony». Per un attimo Steven interrompe i suoi festeggiamenti e si avvicina al cugino. Con le mani gli prende il volto: un gesto di affetto, nel tentativo di consolarlo. Entrambi hanno sbagliato un rigore, in questa beffarda finale di Carling Cup. I due cugini Gerrard, uno di fronte all’altro, uniti da questo comune errore. Seppur con esiti opposti…
Steven è il più vecchio dei due, oltre ad essere il più famoso e il più titolato: gioca in un top club come il Liverpool, ha infiammato tutti gli stadi più importanti d’Europa, e dalla sua ha anche una Coppa Uefa e una Champions. Che vuoi che sia per uno come lui un errore dal dischetto in una finale di Carling Cup? Continua a leggere “Più umani di una sconfitta, più eroici di una vittoria: i rigori dei cugini Gerrard”