Inizia la Champions. Ecco quanto rende ai club, milione per milione

Maicosuel quanto ci sei costato. Se lo staranno chiedendo ancora i tifosi dell’Udinese, dopo che il goffo cucchiaio dell’attaccante brasiliano ha escluso la squadra friulana dalla prossima Champions League, relegandola in Coppa Uefa. Quella retrocessione in termini economici pesa oro, specie se si guarda i benefici destinati ai club che partecipano alla 20esima edizione della coppa con le orecchie, al via oggi. C’è un dato che parla chiaro, e mette a confronto gli introiti di un anno fa: gli 8 milioni e 200mila euro raccolti dalla Dinamo Zagabria, squadra che nella scorsa Coppa Campioni ha sempre perso incassando la bellezza di 22 reti in 6 partite, distano poco dai 10 e 500mila dell’Atletico Madrid, vincitore dell’Europa League dopo un lungo cammino tra partite del girone e match ad eliminazione diretta (ma gli spagnoli sono una mosca bianca nel monte benefici della Coppa Uefa, dove chi è uscito ai gironi non è riuscito ad andare oltre i 2 milioni di euro). Continua a leggere “Inizia la Champions. Ecco quanto rende ai club, milione per milione”

Quando la Coppa Uefa parlava italiano….

Bielsa contro Simeone. Sta tutta qui l’essenza della finale di stasera di Bucarest, atto conclusivo dell’edizione 2012 dell’Europa League (nome che, ai nostalgici come me fa venire il voltastomaco, al solo pensiero che una simile, anonima etichetta sia stata preferita al più glorioso “Coppa Uefa”). Due allenatori dalle esperienze calcistiche opposte: più di 20 anni fa iniziava la carriera da tecnico El Loco, che però solo la scorsa estate è approdato su una panchina europea, all’Athletic Bilbao. Più giovane è invece il curriculum del Cholo: dopo la bella salvezza di un anno fa a Catania, e qualche panchina qua e là in Argentina, lo scorso dicembre è diventato tecnico dell’Atletico Madrid, e in poco tempo ha letteralmente trasformato i sofferenticolchoneros, regalandogli questa inattesa finale. E se Bielsa più volte è stato accostato in queste settimane alla panchina dell’Inter, Diego Simeone è l’unico che potrà tenere alto, almeno simbolicamente, il nome del nostro calcio in questa competizione. Una Coppa così italiana solo qualche anno fa, tanto quanto estranea al pallone nostrano negli ultimi 10 anni. Continua a leggere “Quando la Coppa Uefa parlava italiano….”

Alla fine hanno scelto l’operaio perdente in cerca di palmares

Roy Hodgson sarà il nuovo ct dell’Inghilterra. Manca solo l’ufficialità, che verrà data mercoledì prossimo, ma la notizia è ormai certa: l’ex-allenatore dell’Inter è stato scelto un po’ a sorpresa, al termine di tanti mesi di discussione, durante i quali sembrava che la scelta sarebbe caduta sul collega Harry Redknapp, tecnico del Tottenham. Ma il comunicato di oggi della federazione ha stupito tutti: il presidente della FA Bernstein ha dichiarato di aver parlato sempre e soltanto con l’ormai ex-allenatore del WBA, al quale verrà offerto un contratto di 4 anni. L’Europeo inizia tra poco più di un mese, e il tempo per conoscere la squadra e organizzarla al meglio è poco. Per questo serve l’esperienza di chi ha sulle spalle tanti anni di lavoro in giro per il mondo tra Italia, Svizzera, Inghilterra e Paesi Scandinavi. Forse è per questo che Hodgson è stato preferito al più inesperto Redknapp, insieme all’alta clausola rescissoria che vincola il tecnico del Tottenham, 10 milioni di euro, una cifra che difficilmente la federazione si sarebbe sognata di sborsare in questa situazione. Continua a leggere “Alla fine hanno scelto l’operaio perdente in cerca di palmares”