In evidenza

Quando il calcio incontra i Lego. Fc Brickstand, una squadra ad incastro

 

IMG_2965-818x430.jpgSono reduci da una vittoria in trasferta contro il Makersfield Town, mentre la settimana prima avevano vinto in casa contro Brickley Town, dopo un’amichevole estiva pareggiata contro l’Olymbrick de Marseille. In classifica puntano a raggiungere in vetta l’Athletic Buildbao, ma devono difendersi da squadre come Plastic Thistle, Blockport Country o Play Wanderers. È il calcio ad incastro dell’Fc Brickstand, la squadra interamente fatta di Lego dall’inglese Chris Smith. Trentacinque anni, appassionatissimo di questo gioco, il britannico già era finito sui giornali, qualche anno fa, col suo tentativo di realizzare tutti e 92 gli stadi dei club di calcio inglese coi mitici mattoncini danesi. E se pareva un’impresa tanto geniale quanto titanica riprodurre in quel modo templi come Old Trafford, Stamford Bridge e Anfield Road, qui Chris ha osato di più, inventandosi un vero e proprio club che disputa settimanalmente una lega apposita. Il tutto documentato su internet e Twitter con foto, interviste e video.

Continua a leggere “Quando il calcio incontra i Lego. Fc Brickstand, una squadra ad incastro”

Annunci
In evidenza

Sì, esiste pure l’allenatore delle rimesse laterali, al Liverpool. E vuole rivoluzionare il calcio

 

Il-Liverpool-prende-un-allenatore-per-le-rimesse-laterali-lo-specialista-Gronnemark.jpg«Devo essere onesto, non ho mai sentito parlare di un allenatore delle rimesse laterali. Quando ho sentito di lui era chiaro che avrei voluto incontrarlo. Quando l’ho conosciuto ho capito che lo volevo ingaggiare». Non si fa problemi a raccontare come andò quell’incontro Jurgen Klopp, maestro di calcio a Dortmund e oggi a Liverpool. Per i Reds ormai da qualche mese è al lavoro Thomas Gronnemark, 42 anni danese, un passato da atleta e bobbista per la sua nazione, oggi primo allenatore delle rimesse laterali che il calcio conosca. Allo scandinavo appartiene il record di “throw-in” assoluto, con una distanza di 51,33 metri coperti lanciando la palla con le mani. Numeri che lo hanno avvicinato ormai da diversi anni a più club europei (in passato ha lavorato in patria con Horsens, Midtjylland e per alcune squadre di Bundesliga), con l’obbiettivo di rivoluzionare le rimesse laterali, troppo spesso considerate quasi inutili per schemi e giocate.

Continua a leggere “Sì, esiste pure l’allenatore delle rimesse laterali, al Liverpool. E vuole rivoluzionare il calcio”

In evidenza

L’aiuto del Papa per sciogliere la “maledizione di Mayo”

 

Schermata 2018-08-26 alle 15.08.08.pngNon è certo la cosa più importante che ha fatto Papa Francesco nel suo viaggio in Irlanda, ma il video della firma di Bergoglio sulla divisa della squadra di calcio gaelico di Mayo sta facendo il giro del Paese. Basterà per sciogliere quella maledizione che attanaglia la contea dal 1951, ci si chiede ironicamente? La risposta ci sarà forse solo a partire dal prossimo anno, dato che la finale 2018 dell’All-Ireland Championship (in programma il prossimo 2 settembre) vedrà in campo Dublin e Tyrone, con la squadra verde-rossa già stata eliminata.

Continua a leggere “L’aiuto del Papa per sciogliere la “maledizione di Mayo””

Calcio ed etnie. “Les Bleus” è il film che riesce a farti stare simpatici i francesi

documentaire-les-bleus-une-autre-histoire-de-france-770x375.jpg

«L’ultima volta che ci fu tanta gente sugli Champs-Elysees fu dopo la Seconda Guerra Mondiale. Dopo la Seconda Guerra Mondiale!». Lo ripete due volte Youri Djorkaeff, e sono passati ormai vent’anni. Ancora non ci crede quando ripensa a quanto accadde all’indomani del successo della Nazionale francese nel Mondiale casalingo del ’98. Un popolo impazzito per il calcio e per la sua squadra dall’anima “black-blanc-beur” (nero bianco e arabo), formula che negli anni, però, diventerà quasi un’ossessione, un mantra che nel docufilm “Les Bleus – Une autre histoire de la France” (disponibile su Netflix) torna a galla con frequenza nel ripercorrere i due decenni che hanno fatto seguito a quel clamoroso successo. La pellicola è stata prodotta nel 2016, all’indomani del boccone amaro che fu l’Europeo perso in finale col Portogallo, ma è facile rintracciarvi l’humus che ha portato al successo dello scorso luglio al Mondiale di Russia.

Continua a leggere “Calcio ed etnie. “Les Bleus” è il film che riesce a farti stare simpatici i francesi”

Il fascino degli stadi scozzesi stampato sulle maglie

cropped-website-banner.jpg

Il fascino degli stadi scozzesi stampato su magliette, tazze e borse. Si chiama “Scottish Football Stadium Prints” il progetto di Steve Stewart, designer britannico che, con le sue creazioni, riesce a rendere iconici i particolari della gran parte degli impianti da calcio che si trovano a nord del Vallo di Adriano. A scorrere le fotografie presenti sul sito si rimane colpiti: dai ben noti “home grounds” di Celtic e Rangers si passa ai campi più piccoli della Championship e giù fino alla League Two.

Continua a leggere “Il fascino degli stadi scozzesi stampato sulle maglie”

Due retrocessioni di fila, ma il Sunderland fa il record di tifosi

38440185_2165459080148298_8717627998389403648_n.jpg

Immaginate di tifare una squadra inglese storica, che in bacheca ha più di un titolo nazionale e che è abituata a giocare il suo derby contro un’istituzione come il Newcastle. Immaginate che questa squadra, dopo dieci anni in Premier League a spendere e spandere in ogni direzione, arruolando gente come Borini, Giaccherini, Mannone, Altidore, Ricky Alvarez, Defoe, M’Vila, Coates, Januzaj, Pienaar, Kaboul, Lescott, O’Shea, Pickford solo per dirne alcuni, con manager dal piglio internazionale come O’Neill, Advocaat, Di Canio, Poyet, Allardyce e Moyes, ecco, immaginate che un club così si trovasse invece a far fronte a due clamorose retrocessioni consecutive.

Continua a leggere “Due retrocessioni di fila, ma il Sunderland fa il record di tifosi”

La Championship ha messo la cresta (sognando un altro Sessegnon)

LampardTunnelBanner.jpg

Lampard, Bielsa, Karanka, e ancora Pulis, McLaren, Rowett, Steve Bruce… La Championship ha messo la cresta, e basta la lista dei manager ai nastri di partenza per capirlo. Salutati due giganti come Wolves e Cardiff, applaudita la cavalcata vittoriosa del Fulham (23 partite senza sconfitte dopo Natale per arrivare ai play-off e vincerli), la seconda divisione inglese è pronta al via questo fine settimana, cominciando una eterna trafila di partite che si concluderà solo a fine maggio. 24 squadre in corsa, più di 500 match previsti per un torneo snervante e faticoso. Una meraviglia dove, forse, non brillano fuoriclasse ma i tifosi ci sono sempre, tanto da essere il terzo campionato più seguito al mondo.

Continua a leggere “La Championship ha messo la cresta (sognando un altro Sessegnon)”